Chi è on line

Abbiamo 26 visitatori e nessun utente online

Orari Sante Messe

da Lunedì al Sabato ore 8.30-18.30
Domenica ore 7.30-9.30-11.00-18.30
Giovedì adorazione ore 16.00

Le messe del vicariato  >>>

Le messe a Padova     >>>

 

Cerca

Casa TESCARI

Vita Parrocchiale

Scuola dell'infanzia

Accesso Riservato

riflessione a cura di don Marcello 26-11-2017

riflessione sul vangelo della settimana

VENITE, BENEDETTI DEL PADRE MIO

Con la solennità di "Nostro Signore Gesù Cristo, re dell'universo" concludiamo l'anno liturgico nel quale abbiamo letto il Vangelo di Matteo, meditando la grande pagina del "giudizio finale" (Matt. 25,31-46). Questa, non ha paralleli negli altri Vangeli, si trova solo in Matteo ed appartiene quindi alla visione teologica di questo Vangelo: la sua collocazione, è l'ultimo brano prima dell'inizio del racconto della Passione, ci invita ad interpretarla come la sintesi ricca e complessa del messaggio evangelico e il punto di arrivo del cammino pedagogico del discepolo di Gesù.  Si tratta certamente di una pagina importante, difficile e molto discussa: la vastità della bibliografia che la riguarda testimonia la sua complessità e ci mette in guardia da una interpretazione semplicistica, pure molto attuale nella Chiesa ed importante per il cristianesimo di oggi, ma che la riduce ad essere la fondazione del "cristianesimo anonimo" o di un cristianesimo senza Cristo, ridotto all'impegno a favore di qualsiasi genere di povertà.  

 

Al termine dell'anno liturgico, siamo invitati a confrontarci con questa pagina evangelica, a lasciare che la Parola di Gesù provochi in noi un giudizio, cambi la nostra vita e ci introduca più profondamente nella gioia di una vita realizzata.  Con un linguaggio narrativo ( non si tratta propriamente di una parabola), Matteo descrivendo il "giudizio finale", dice il senso teologico della storia, il "fine" a cui tende, che in qualche modo si realizza in ogni momento. "Quando il Figlio dell'uomo verrà, nella sua gloria, e tutti gli angeli con lui, siederà sul trono della sua gloria. Davanti a lui verranno radunati tutti i popoli. Egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dalle capre. Allora il re dirà a quelli che stanno alla sua destra: Venite, benedetti del Padre mio. Ricevete in eredità il regno, preparato per voi fin dalla creazione del mondo, perché ho avuto fame e mi avete dato da mangiare.".  Va sottolineata l'importanza e la ricchezza di questo inizio che orienta la interpretazione corretta del significato di tutto il brano. Sono tre i titoli attribuiti al Messia che presiede al Giudizio: Figlio dell'uomo, pastore, re. Si tratta di tre titoli dal forte significato biblico, messi in stretta relazione tra loro: il Figlio dell'uomo, seduto sul trono della sua gloria.è Colui che prima è disceso nel più profondo della umiliazione e della fragilità umana; il pastore, come appare dalla splendida pagina di Ezechiele che leggiamo nella prima lettura della festa odierna (Ez.34,11-17), è Colui che difende le pecore da tutti i pericoli, si prende cura di loro, perché le conosce, perché le ama; il re è ben diverso da tutti coloro che vogliono semplicemente dominare, è libero da ogni ostentazione di grandezza umana, non opera secondo criteri di politica ambiziosa: la sua forza è solo l'amore, la compassione, la condivisione. Colui che condivide in pieno la fragilità umana, guida e protegge i suoi fratelli e realizza così il regno, la cui forza è l'amore. Tutto ha inizio da Colui che ha accettato di discendere nello oscurità umana, di sedersi a mensa con i peccatori e le peccatrici, di umiliarsi sino alla morte della croce, di gridare: "Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato", di farsi ultimo, di amare sino al dono estremo di sé. Tutto ha inizio dal Figlio che riceve tutto dal Padre per donare tutto e ricondurre tutto a Lui. "Venite, benedetti del Padre mio": non si può comprendere lo scandaloso messianismo di Gesù, senza percorrere con Lui tutto il cammino della discesa nella oscurità umana, vivendo con Lui l'esperienza del Figlio che si incarna perché la carne risplenda di gloria. Non si può comprendere Gesù (eppure tante volte lo facciamo, riducendo il Vangelo ad una etica), non si può comprendere la novità cristiana che è la pienezza dell'uomo, dimenticando che Gesù è il Figlio che vive del Padre.                                                                                  Buona Festa  in Cristo  nostro Re e Signore. d. Marcello

Back to Top