Chi è on line

Abbiamo 22 visitatori e nessun utente online

Orari Sante Messe

da Lunedì al Sabato ore 8.30-18.30
Domenica ore 7.30-9.30-11.00-18.30
Giovedì adorazione ore 16.00

Le messe del vicariato  >>>

Le messe a Padova     >>>

 

Cerca

Casa TESCARI

Vita Parrocchiale

Scuola dell'infanzia

Accesso Riservato

riflessione a cura di don Marcello 24-9-2017

riflessione sul vangelo della settimana

Cari  amici e amiche le pagine del Vangelo di Matteo che stiamo leggendo in queste settimane fanno parte di una sezione nella quale Gesù, dopo aver dichiarato di voler edificare la sua Chiesa su Pietro, va mostrando che cosa significhi la "Chiesa", che cosa sia chiesto a Pietro perché possa essere la pietra nelle mani del suo Signore e come siano chiamati a vivere i discepoli perché possano essere la "comunità riunita" dalla sua Parola e dal suo Amore. Si tratta del dispiegarsi di un quadro le cui molte scene descrivono la normalità della vita umana illuminata dalla Parola di Gesù che rivela che, con la sua presenza, il regno dei cieli ha fatto irruzione nella storia: Dio è con noi, si è fatto compagno della nostra quotidianità, si è fatto uno di noi per poter amarci veramente, mostrarci che cosa significhi amare e fare dell'umanità dispersa una comunità (la "chiesa"). A Pietro chiede di "pensare secondo Dio e non secondo gli uomini": gli uomini pensano al Dio potente, che vince e che dona agli uomini potere e grandezza; per Gesù, pensare secondo Dio vuol dire discendere, farsi piccolo, farsi uomo, per condividere, per amare.

 

Il Vangelo, nella sua unità, ha una precisa intenzione pedagogica: vuole educarci a lasciarci guidare da Gesù per imparare, come Pietro, a pensare secondo Dio, perché possa edificare la sua Chiesa che mostri al mondo la presenza del regno dei cieli. E' meraviglioso il Vangelo, che non è un trattato di "ecclesiologia", ma la narrazione delle "meraviglie di Dio" che l'evangelista, credendo, vede scorrere sotto i suoi occhi: così anche noi vedendo Dio operante nella nostra vita, impariamo a narrare la vita felice che ci è offerta. La Liturgia omette la lettura del cap.19 di Matteo che presenta questioni importanti per la vita cristiana: dovremmo farne oggetto di studio personale facendo attenzione al rischio nel quale spesso cadiamo, di ridurre l'esperienza cristiana ad un'etica, dimenticando che si tratta invece, sempre, di rispondere a ciò che Dio fa per noi.

Nel salutarvi  ricordo a quanti di  voi è possibile partecipare, che questa Domenica   riprendiamo  l’incontro  spirituale mensile. Quest’anno  cerchermo di fare uno studio  più  testuale   del Vangelo di Marco,  Vangelo che ci accompagnerà durante  tutto  il nuovo  anno liturgico. L’ncontro  comincia alle ore 14 per concludersi alle 18. Segue la S. Messa . In questa  vogliamo pregare e ricordare il nostro caro amico  Giuseppe Dorio che è salito al Cielo prima dell’estate.  Dopo la Messa  mi farebbe piacere vivere un gioioso  momento  di fraternità,  spezzando il pane  in una cena  fraterna.

Buona Domenica, d. Marcello.

Back to Top